La Terra, a sinistra, e Kepler 452b in una ricostruzione
La Terra, a sinistra, e Kepler 452b in una ricostruzione (©nasa.gov)

Scoperta la "Terra 2.0"

La sonda Keplero ha osservato un pianeta con caratteristiche estremamente simili a quelle del nostro mondo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Esiste un’altra Terra. La scoperta è arrivata dalla sonda Keplero ed è stata annunciata dalla Nasa con queste parole: “È una cosa che le persone hanno sognato per migliaia di anni”.

 

Il pianeta, che orbita intorno ad un proprio sole, è stato chiamato semplicemente Kepler 452b. Ha quasi la stessa dimensione della Terra e si trova nella zona di Goldilocks, cioè “un’area abitabile” di un sistema stellare dove non vi è troppo caldo né troppo freddo per escludere la presenza di acqua. Gli esperti possono quindi supporre che sul corpo celeste vi possa essere vita.

L'orbita seguita da Kepler 452b paragonata a quella del Sistema solare
L'orbita seguita da Kepler 452b paragonata a quella del Sistema solare (©nasa.gov)

"Gli anni su Kepler 452b sono della stessa lunghezza che qui sulla Terra - ha spiegato Jon Jenkins, capo analista dei dati provenienti dal telescopio dell'ente spaziale americano - ed ha trascorso miliardi di anni intorno la zona 'abitabile' della sua stella. Il che significa che potrebbe aver ospitato vita sulla sua superficie ad un certo punto, o potrebbe ospitarla ora".

Il sole intorno al quale ruota Kepler 452b, distante 1400 anni luce da noi, somiglia infatti ad un cugino anziano del nostro. La dimensione e il sistema solare del pianeta appena scoperto sono compatibili con quelli della Terra.

ab/Ats

Condividi