di Nicola Agostinetti e Matteo Born (Patti chiari, 1.03.2019)

Tabacco riscaldato

di Nicola Agostinetti e Matteo Born (Patti chiari, 1.03.2019)

USA, scalda tabacco promossi

Washington ha autorizzato la vendita della IQOS: "è uno strumento adeguato ai fini della protezione della salute pubblica"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le sigarette elettroniche che scaldano il tabacco sono state ammesse anche negli Stati Uniti. La Food and Drug Administration, l'ente governativo che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, ha autorizzato la vendita di IQOS della Philip Morris. Il sistema, segnala l'agenzia sul proprio sito, "è uno strumento adeguato ai fini della protezione della salute pubblica".

Nel documento si legge che: "a seguito di una revisione rigorosa della richiesta, l'agenzia ha deliberato che l'autorizzazione per questi prodotti (che restano sigarette) per il mercato USA è appropriata per la protezione della salute pubblica perché, fra le altre considerazioni, i prodotti contengono meno composti chimici tossici rispetto alle sigarette combustibili e molte delle tossine identificate sono presenti in quantità inferiori".

Il gigante del tabacco che ha il suo quartier generale operativo a Losanna, ha fatto sapere di ritenere "la decisione un importante passo avanti per i circa 40 milioni di americani fumatori". Stando alle cifre rese note dall'azienda dal lancio due anni fa, 7,3 milioni di persone nel mondo hanno abbandonato le sigarette tradizionali per passare al suo scalda tabacco che non fa però l'unanimità nella comunità scientifica (per saperne di più guarda l'inchiesta di Patti Chiari in resta all'articolo andata in onda il 1° marzo 2019).

Diem/ATS
Condividi