Arte

La mano (e) il guanto

Opere, dal XVII secolo ad oggi, in una mostra aperta fino al 18 agosto al Museo Jenisch di Vevey

  • 28 maggio, 12:09
  • ARTE
deveria_tif.jpg

Eugène Déveira, Étude de mains au gant,

  • Museo Jenisch di Vevey - foto Galerie Chaptal
Di: Red

Strumento per cogliere ed esplorare tattilmente la realtà, simbolo di identità e lavoro, di devozione e seduzione. Il tema del guanto (contenitore) e della mano (contenuto), viene investigato in questi giorni al Museo Jenisch di Vevey in una esposizione dal titolo La main (et) le gant aperta fino al 1 8 agosto.

Attraverso una selezione di opere provenienti dalle collezioni del museo, arricchita da numerosi prestiti pubblici e privati, questa mostra tematica, suddivisa in sette capitoli, getta una nuova luce sulle diverse rappresentazioni e forme della mano e del guanto. Disegni, stampe, dipinti, sculture e video che testimoniano il potere creativo e metaforico dei giochi delle mani e dei loro diversi rivestimenti di seduzione, moda, pudore, ma anche tutela: i guanti.

image6.jpg

Célia Muller, Elles ont volé toute l'eau, 2023

  • Museo Jenisch di Vevey - Célia Muller/Foto: Archivio Maïa Muller

Per Alphaville, Lou Lepori ha intervistato lo storico e critico d’arte Philippe Piguet, co-curatore dell’allestimento, che così spiega come nasce l’idea alla base dell’esposizione: «La storia di questa mostra risale a molto tempo fa, forse più di una quindicina d’anni fa. Ero al Museo d’Orsay di Parigi e sono rimasto incantato di fronte a un quadro di Claude Monet, un’opera giovanile del 1868 e un ritratto di grandi dimensioni della moglie Camille, vestita con tessuti molto colorati. Quel che mi ha affascinato, però, sono state le mani della modella una rosa e affusolata, l’altra bianca, quasi astratta perché coperta da un guanto. Mi sono detto allora che questo sarebbe stato un tema magnifico per un’esposizione e da allora in poi ho continuato a collezionare nella mia testa immagini che potessero entrare in questo tema affascinante, perché la mano e il guanto si prestano a una lettura sia estetica, che metaforica. Sono la storia del contenuto e del contenitore».

La mostra, si diceva, spazia e investiga il tema attraverso i secoli, dal XVII secolo fino ai nostri giorni e, continua Piguet: «parte da una serie di tavole anatomiche splendide di Sebastiano Della Bella, realizzate all’inizio del seicento e poi risale nel corso dei secoli. Potrei citare almeno i bellissimi schizzi provenienti dalle collezioni stesse del Museo di Ferdinand Hodler, ma anche il lavoro straordinario di Giuseppe Penone, fino ad arrivare ai video artisti».

image2.jpg

Ulla von Brandenburg, Sans titre, 2006

  • Ulla von Brandenburg - Foto: Julien Gremaud

Una esposizione che mette in evidenza come il guanto e la mano possano trasformarsi da un frammento di vita privata, personale, in una vera e propria riflessione sull’arte. C’è dunque una storia della mano che attraversa la storia dell’arte, sia come strumento che come soggetto, con implicazioni filosofiche importanti tutte da scoprire al Museo Jenisch e che vanno oltre l’estetica.

La mano (e) il guanto

Alphaville 22.05.2024, 11:30

  • Imago Images

Ti potrebbe interessare