Ambiente e consumi

Le star del mese: luglio

Sta a noi consumatori fare la differenza, impariamo a fare la spesa consapevolmente

  • 30 June 2023, 14:42
  • FOOD
Cover carosello.jpg
  • ©iStock
Di:Emma Berger

Frutta, verdura e pesce di stagione per la spesa consapevole di luglio: sta a noi consumatori fare la differenza. Il nostro aiuto all’ambiente passa anche da ciò che mettiamo in tavola! In più, ciò che è di stagione è più buono, ricco di nutrienti e di principi attivi benefici per la salute.
Insieme alle “star” della spesa, troverete un calendario di tutti gli eventi gastronomici del territorio in cui il buon cibo e la convivialità la fanno da padrone!

Come arriva luglio, così se ne va la nostra voglia di accendere forno e fornelli; fortunatamente, però, questo mese è ricco di ortaggi adatti da consumare crudi. Quindi, diciamo addio (in parte) alla cottura e diamo il benvenuto all’“assemblaggio”: con un po’ di fantasia potremo creare deliziosi piatti freschi che ci avranno anche fatto risparmiare tempo ed energia in cucina.

Cosa troverete su RSI Food
Ogni settimana, continueranno ad animare RSI Food nuovi articoli e pubblicazioni su salute, tradizioni, ambiente, storie di realtà gastronomiche, curiosità e consigli ai consumatori. Oltre a questo, non mancheranno le nostre collezioni di ricette – sia dedicate ad ingredienti stagionali specifici, sia a preparazioni ideali per il periodo estivo – e le rubriche “Alla scoperta dei pani svizzeri” e “L’inflazione nel piatto”.

Consigli per una spesa consapevole

Verdura di stagione
Per quando riguarda la verdura del mese, una menzione va fatta ai carciofi: anche se in piccole quantità, vengono coltivati anche in Svizzera. Diversamente dai paesi mediterranei - come Italia e Spagna - in cui si raccolgono in autunno e in primavera, da noi la raccolta avviene in estate, in zone dove le temperature non superano i 30 gradi. I carciofi si consumano di solito cotti (bolliti, al forno, tagliati a spicchi e arrostiti) ma quelli giovani e senza barba sono ottimi anche crudi.
L’estate è ovviamente periodo di zucchine, che crescono senza fermarsi e che riempiono gli scaffali dei supermercati, le bancarelle dei mercati e gli scomparti dei nostri frigoriferi. Marinate, ripiene, crude in insalata, grattugiate in una quiche… insomma, sono ortaggi talmente versatili che le preparazioni sono altrettanto vaste. Dal momento che non hanno un sapore estremamente forte, provatele anche nelle torte dolci.
Ricette con zucchine e fiori di zucchine

Rimangono di stagione: aglio, barbabietole, bietole da costa, broccoli, carote, catalogna, cavolo rosso e bianco, cavolo navone, cavolo rapa, cipolla e cipollotti, cetrioli, finocchi, fagioli, fagiolini, melanzane, pak choi, patate, pastinaca, peperoni, piselli, pomodori, porro, ravanelli, sedano, taccole e verze.
Tra le insalate, troviamo cicorino rosso, cicoria pan di zucchero, formentino, indivia liscia e riccia, lattuga romana, lattughe a testa (iceberg, cappuccio e batavia) lattughini da taglio (lollo e foglia di quercia) e rucola.

Frutta di stagione
A luglio si arricchisce anche il paniere della frutta: troviamo alcune mele a varietà precoce (come Summerred, Gravensteiner, Primerouge, Retina o Galma), albicocche - frutto simbolo del Canton Vallese - ciliegie, pesche, fragole e altri frutti di bosco (lamponi, ribes, mirtilli, more, uva spina) che approfondiremo a fine articolo.

Pesce di stagione
Nessun divieto di pesca per i pesci dei nostri laghi: troviamo trota, salmerino, coregone, luccio, pesce persico, lucioperca, carpa indigena, agone, tinca e barbo. Approfittiamone per preparare dei deliziosi pesci in carpione, ricetta tipica dei nostri grotti.

Alcuni pesci di mare nel mese di luglio sono: aguglia, alice, cozze, gallinella, lampuga, orata, pesce castagna, pesce serra, ricciola, sarago, sardina, sogliola e spigola.

Approfondimento: i frutti di bosco
Luglio si colora di viola, rosso, blu e rosa: arrivano le bacche e i frutti di bosco, che quando sono colti allo stato selvatico danno ancora più soddisfazione.

Lamponi

Iniziamo dai lamponi, forse tra i più apprezzati tra tutti i frutti di bosco. Fanno parte della famiglia delle Rosacee, la loro stagione va da giugno a settembre e sono aclimaterici, che significa che non continuano a maturare dopo la raccolta; bisogna quindi comprarli già maturi. Esistono anche varietà bianche.
Dal gusto dolce e acidulo, si prestano a preparazioni sia dolci sia salate, a bevande, yogurt e colazioni. Possono essere un ingrediente “segreto” in un condimento per l’insalata: frullati con olio, sale e limone (o aceto), daranno un tocco di acidità, gusto e colore in più.

More
Per quanto riguarda invece le more, ci sono testimonianze del loro uso già 2500 anni fa; analizzando il corpo di una mummia di palude, infatti, sono state trovate tracce di more nello stomaco. Nella storia della medicina occidentale, questo frutto è stato più volte utilizzato: antichi greci, popoli europei e nativi americani hanno spesso sfruttato il frutto o le loro foglie per curare malattie.
La loro forma è simile a quella del lampone, ma sono più grosse e dal colore blu-viola scuro. Appartengono anche loro alla famiglia delle Rosacee, sono resistenti a temperature alte e basse e a malattie. Una varietà adatta alla coltivazione casalinga è per esempio quella senza spine, un ibrido che è stato creato per facilitarne la raccolta. Sono mature quando si staccano facilmente dal ramo.

More

Raccolta delle more

  • ©iStock


Ribes Ci sono poi i ribes, che si trovano in più colori, come
rosso,
bianco e
nero. Fanno parte della famiglia delle Grossolariaceae e sono originarie dell’Europa centro-orientale. Piccole bacche caratterizzate dal sapore
acidulo, sono estremamente
ricche di vitamina C e di pectina, una fibra solubile responsabile della gelificazione: per questo motivo, il ribes è adatto alla preparazione di marmellate. Il ribes nero è conosciuto come
cassis, quella bacca dall’aspetto simile al mirtillo e che conosciamo soprattutto sottoforma di
sciroppo,
succo o
liquore. Con le sue foglie essiccate è possibile fare un’ottima tisana o bibita rinfrescante.

Ribes nero o cassis

Ribes nero o cassis

  • ©iStock


Uva spina Un altro frutto di bosco appartenente alla famiglia delle Grossulariaceae è l’uva spina, che è poco conosciuta ma che merita la nostra attenzione. La sua bacca è simile ad un
acino d’uva, il suo colore varia
tra il verde e il rosso ed è grande tra i 10 e i 25 millimetri, mentre il suo arbusto varia tra i 50 e i 200 centimetri. È acidula ma abbastanza dolce ed è anch’essa ricca di
pectina, quindi è perfetta per preparare
marmellate,
gelatine,
composte e
salse.

Mirtilli
I mirtilli che troviamo in commercio o che possiamo coltivare sono quelli americani, e sono quelli viola scuro abbastanza grossi. Appartengono alla famiglia delle Ericacee, crescono da giugno-luglio ad ottobre e sono noti per le loro proprietà antiossidanti. Se si resiste alla tentazione di mangiarli uno dopo l’altro, possono essere consumati a colazione - in aggiunta allo yogurt o disposti su una fetta di pane tostato con del burro di frutta secca -, aggiunti a impasti per dolci o come salsa per formaggi o carni.

Mirtilli

Arbusto di mirtilli

  • ©Emma Berger

Quelli che si trovano comunemente sono i mirtilli neri, ma esistono anche i
mirtilli rossi, che crescono nei boschi, in cespugli bassi e sempreverdi, spesso in mezzo ad altri arbusti di ginepro e mirtillo nero. Sono di colore rosso acceso e sono più aspri e amarognoli, per questo motivo è meglio cuocerli e dolcificarli prima di consumarli. Abbinando le vostre bacche preferite con alcuni aromi, come fiori di sambuco e verbena, è possibile preparare un’ottima bevanda rinfrescante, che trovate
qui.

Gli eventi gastronomici da non perdere
Svizzera italiana

Mercato Foodsave Bio - Lugano
Ogni sabato di luglio
Il Biobistrot Afiordigusto propone ogni sabato del mese, dalle 10 alle 12:30, un mercato con ortaggi biologici, locali e di stagione, così come altri prodotti svizzeri italiani.
Ogni ultimo sabato del mese, invece, il mercato si allarga ad altri produttori e allevatori bio ticinesi: spazio a formaggi, salumi, vini naturali, conserve!
Per info: profilo Instagram e Facebook @afiordigustobiobistrot

Longlake Festival – Lugano
Da venerdì 7 a domenica 23
Oltre all’ampia offerta musicale e artistica, il Longlake festival avrà anche uno spazio dedicato allo street food.
Per info: longlake.ch

Arie di gusto di una notte di mezza estate – Riva S. Vitale
Giovedì 13
Slow Food Ticino, in collaborazione con lo Steger Center Virginia Tech, organizza una serata in cui si potranno degustare piatti e prodotti realizzati dai cuochi della Virginia Tech insieme ad Elisa Green Food Lab e Caterina Ratta di Tavola Calma, scoprire la Bondola, primo vino svizzero presidio Slow Food e ascoltare le arie de “Il matrimonio segreto” di Cimarosa.
Per info e prenotazioni: slowfoodticinonews.com

OTAF dinner, La solidarietà vien mangiando – Fiore di pietra
Sabato 15
La fondazione OTAF, che opera a sostegno di persone con disabilità, organizza una cena di tre portate cucinata e servita dagli utenti, per «incoraggiare la loro passione, creatività e autonomia».
Per info e prenotazioni: montegeneroso.ch

Sagra del pesciolino – Brusino Arsizio
Da venerdì 21 a sabato 22
Per omaggiare il pescato di lago e per festeggiare in compagnia, torna la manifestazione storica che offre alborelle, pesce persico e altri pesci dei nostri laghi.
Per info: ticino.ch

Porte aperte “Gli inSELVAtichiti” – Ludiano
Sabato 22
Percorso didattico nel borgo in cui si potranno visitare gli animali Pro Specie Rara, come il Coniglio piccolo tricolore, e alcuni orti in cui sono presenti antiche varietà di ortaggi, come la zucca canada crookneck.
Per info: prospecierara.ch

Svizzera romanda e tedesca

Giornata della verdura biologica – Seeland
Domenica 2
I produttori di ortaggi biologici del Seeland – la “Terra dei tre laghi” - illustreranno lungo un percorso di quasi 20 chilometri i frutti del loro lavoro. Saranno presenti anche stand di viticoltori biologici del Vully, foodtrucks e musica.
Per info: fribourg.ch

Balade gourmande Vully-les-Lacs
Sabato 15
Passeggiata tra i vigneti di Vully di 6 chilometri con nove tappe gastronomiche che risveglieranno tutti i cinque sensi.
Per info e prenotazioni: myswitzerland.com

Tavolata St. Moritz – St. Moritz
Da venerdì 28 a domenica 30
La zona pedonale di St-Moritz sarà trasformata per dare vita a un luogo conviviale, in cui persone del posto e i turisti potranno gustare le specialità locali, tutti insieme in una lunga tavola di legno.
Per info e prenotazioni: tavolatastmoritz.ch

Correlati

Ti potrebbe interessare