Il senatore Petro si è imposto al primo turno delle presidenziali colombiane (keystone)

Colombia, Petro al ballottaggio

Il 19 giugno verrà eletto il nuovo presidente. Il senatore, che se la vedrà con l'outsider Rodolfo Hernández, lancia un appello "per trovare un milione di voti"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il senatore colombiano Gustavo Petro, vincitore con il 40,8% dei voti del primo turno delle elezioni presidenziali svoltosi ieri, domenica, in Colombia, ha ringraziato gli 8,5 milioni di persone che lo hanno votato ed ha sostenuto che "ora è necessario trovare il milione di voti che mi mancano per conquistare la presidenza" nel ballottaggio del 19 giugno.

In un discorso applaudito dai suoi sostenitori, l'ex guerrigliero e leader della coalizione di sinistra Pacto Histórico non ha perso tempo e si è rivolto senza nominarlo al suo sfidante, il milionario e costruttore edilizio Rodolfo Hernández, che con una campagna elettorale alla testa della Liga de Gobernantes Anticorrupción ha ottenuto a sorpresa quasi sei milioni di voti ed il diritto di andare al ballottaggio. Petro ha prima ricordato al suo avversario i processi che lo attendono per accuse di corruzione, sostenendo che non anche per questo la personalità che può attuare un vero cambiamento in Colombia.

Ironizzando poi sull'ampio uso delle reti sociali fatto da Hernández ha sottolineato che "la corruzione non si combatte con le gag di TikTok, si combatte mettendo a rischio la propria vita, perché è un regime corrotto quello che stiamo affrontando". Per quello che mi riguarda, ha proseguito, "ho rischiato la vita per combattere la corruzione, e non dico bugie, ma la verità. Non sono qui per ingannare con un discorso, ma per mettere sul tavolo la realtà e dire chiaramente alla società colombiana verso dove vogliamo andare".

 
La Colombia alle urne

La Colombia alle urne

TG 12:30 di domenica 29.05.2022

 

ATS/ANSA/AFP/Swing
Condividi