Le donne nell’urna

I corridoi e le sale di Palazzo Federale da oggi sono popolati da sagome femminili di carta a grandezza naturale nell’atto di brandire una scheda di voto

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un traguardo faticosamente raggiunto dopo decenni di lotte infruttuose. Da oggi e fino a metà dicembre i corridoi e le sale di Palazzo Federale saranno popolati da sagome femminili di carta a grandezza naturale tutte nell’atto di brandire una scheda di voto, quel voto così a lungo agognato, quella parità ancora oggi solo parzialmente raggiunta.

Nel 2018 la differenza salariale media fra uomini e donne - comunica l'Ufficio federale di statistica - si attestava fra l’8 e il 25%. Nel 2019 sono morte per mano di un uomo, marito, fidanzato, convivente 46 donne. Nel 2019 solo il 25% delle dipendenti aveva una posizione dirigenziale. Le opere sono state realizzate da artiste provenienti da tutte le regioni linguistiche del paese.

La mostra omaggia tutte le donne che hanno dato il loro contributo per raggiungere i seguenti traguardi: 50 anni di suffragio femminile, 30 anni dal primo sciopero delle donne, 25 anni dalla legge sulla parità dei sessi.

Francesca Pusek
Condividi