La zona della tragedia avvenuta 5 anni fa (ti-press)

Cinque anni fa la tragedia

Ricordando Monica e Alice: madre e figlia morirono sotto una frana a Bombinasco. Cosa si è fatto da allora per scongiurare questi drammi?

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La frana di Bombinasco, il 5 novembre del 2014, fu un evento che segnò profondamente tutto il cantone. Nel tardo pomeriggio di quel giorno, una massa di terrà travolse una casa a Curio, nel Malcantone, in cui si trovavano Monica e Alice, madre e figlia di tre anni. Entrambe persero la vita.

Il comandante dei pompieri di Novaggio, ai tempi, lo definì uno "scenario apocalittico". Ma oggi, a 5 anni dalla tragedia, cosa si è fatto per affrontare questi pericoli naturali? "A seguito anche degli eventi del 2014 abbiamo molto insistito sulla necessità di creare dei presidi, laddove ci sono delle priorità", ha spiegato ai microfoni della RSI Roland David, capo della sezione forestale.

"Dopo quell'autunno si è proceduto inoltre a una modifica legislativa che ha permesso di snellire le procedure di accertamento dei pericoli, inoltre si sono definiti meglio i compiti di cantone e comuni. Quando si parla di fenomeni naturali, il "rischio zero" comunque non esiste. Fondamentale è la conoscenza dei fenomeni", sottolinea l'esperto cantonale.

La carta dei pericoli naturali in Ticino

Nel quadro delle misure per migliorare la prevenzione e la gestione di simili catastrofi, si cominciò a parlare anche di istituire una formazione ad hoc per "specialisti" locali in pericoli naturali. Uno di loro è attivo ad Acquarossa, in Valle di Blenio.

Bombinasco 5 anni dopo

Bombinasco 5 anni dopo

Il Quotidiano di martedì 05.11.2019

 

 
CSI/Bleff
Condividi