Una vicenda emersa nel 2014 (tipress)

ISS-FaciliTI: caso chiuso

I vertici della società di servizi di Manno sono stati definitivamente prosciolti dall’accusa di concorrenza sleale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È definitivamente calato il sipario sulla vicenda che ha visto coinvolti BancaStato, la ISS Facility Service e la FaciliTI di Manno. Il Tribunale federale ha infatti respinto (in quanto inammissibile) il ricorso presentato contro la sentenza della Corte di appello, che nel gennaio del 2019 aveva prosciolto il presidente e il vicepresidente della FaciliTI dall’accusa di concorrenza sleale nei confronti della ISS.

Il tutto dopo che nell’aprile del 2018 la pretura penale li aveva invece condannati a una pena pecuniaria sospesa, al pagamento di una multa e a un risarcimento di 46'000 franchi.

I due ex dipendenti della ISS, difesi dagli avvocati Goran Mazzucchelli e Massimiliano Parli, lasciarono la ditta e crearono un’altra società specializzata nella fornitura di servizi, la FaciliTI appunto. Poco dopo, per la fine del 2014 BancaStato diede la disdetta del contratto sottoscritto con la ISS e si appoggiò alla loro società. Di qui la denuncia penale sporta dalla ISS e l’inizio della vertenza giudiziara, sfociata – come detto – nel proscioglimento dei due imputati.

Francesco Lepori
Condividi