Un paziente COVID19 in ospedale
Un paziente COVID19 in ospedale (keystone)

Il sanitario dipende dagli stranieri

Per la SECO la libera circolazione delle persone ha avuto un ruolo centrale durante la pandemia - Stranieri più toccati dalla disoccupazione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il settore sanitario elvetico dipende dai lavoratori stranieri. La libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l'UE gioca quindi un ruolo centrale per garantire un buon funzionamento del sistema. Lo indica oggi la Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

La crisi del coronavirus ha mostrato la dipendenza e l'importanza della libera circolazione. Senza tale accordo, circa 34'000 frontalieri che lavorano nel sistema sanitario non avrebbero potuto entrare in Svizzera e garantire le cure mediche necessarie.

Complessivamente, nel 2020, il 22% dei circa 540'000 dipendenti del settore svizzero della sanità provenivano dall'UE e dall'AELS. Si tratta soprattutto di specialisti altamente qualificati.

Circa un terzo dei medici generalisti e dei medici specialisti e un quarto dei fisioterapisti, dei dentisti e dei farmacisti provenivano da questi Stati. I cittadini dell'UE e dell'AELS erano invece meno ben rappresentati presso gli infermieri e gli assistenti di farmacia e di odontoiatria.

 

Gli effetti della pandemia sull'immigrazione

Con un'immigrazione netta di poco meno di 30'000 persone, solo in leggero calo, il 2020 sembra in linea con gli altri anni malgrado la pandemia, ma in realtà questa ha avuto degli effetti: il volume di lavoro per i cittadini dell'UE è sceso del 4,5%, un terzo in più che per i residenti, e gli stranieri sono stati maggiormente toccati dalla disoccupazione. Soprattutto chi viene dall'est e dal sud dell'Europa, e lavora spesso in settori che hanno fatto i conti con le chiusure, come la ristorazione, è stato particolarmente colpito: in questi ambiti gli ingressi sono diminuiti sensibilmente. Allo stesso tempo, però, complice l'insicurezza, ci sono state anche meno partenze dalla Svizzera.

SECO, la libera circolazione e il Covid

SECO, la libera circolazione e il Covid

TG 12:30 di venerdì 25.06.2021

Settore sanitario e frontalieri

Settore sanitario e frontalieri

TG 20 di venerdì 25.06.2021

 
joe p./pon
Condividi