La lunga marcia per i diritti

La storia di Maria, Alessandra e Nina, tre generazioni a confronto - Le tappe di una battaglia che "non è ancora vinta"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Maria ricorda bene quando per la prima volta andò a votare in Ticino. Era il 31 maggio del 1970. L'anno prima il Ticino concesse il diritto di voto alle donne in materia cantonale, quello federale arrivò come noto l'anno successivo.

 

Anche sua figlia, Alessandra, ricorda bene la prima volta che andò a votare. Era il 1991 e disse sì all'abbassamento dell'età di voto da 20 a 18 anni. Proprio grazie all'esito di questo voto, oggi, sua figlia Nina, che diventerà maggiorenne a inizio ottobre, potrà votare per la prima volta alle federali.

La loro storia - raccontata nell'edizione di Modem del 14 giugno - è anche la storia delle trasformazioni culturali e delle conquiste per i diritti degli ultimi 50 anni in Svizzera. Una battaglia che, come dice Nina, "non è ancora vinta".

Modem/eb
Condividi