Le sfumature cromatiche del pianeta nano
Le sfumature cromatiche del pianeta nano (keystone)

I mille colori di Plutone

La mappa delle sfumature del pianeta realizzata grazie alle immagini di New Horizons

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Zone che variano dal rossastro al blu intenso e altre aree ghiacciate, il pianeta Plutone è coloratissimo. Lo si può rilevare dalla prima mappa completa e dettagliata di questo pianeta nano, ricostruita dall'italiana Silvia Protopapa, che lavora negli Stati Uniti, all'università del Maryland, sulla base dei dati e delle immagini inviati a Terra dalla sonda New Horizons della NASA.

Blu e rosso predominano su Plutone
Blu e rosso predominano su Plutone (keystone)

La mappa è stata pubblicata sulla rivista “Science”, nello studio coordinato dal responsabile scientifico della missione, Alan Stern del Southwest Research Institute.   Analizzando la superficie del pianeta con lo spettrometro Leisa a bordo della sonda New Horizons, i ricercatori hanno scoperto che i colori sono dovuti alla sua composizione. Le zone brillanti e di colore blu, come le regioni polari e il grande cuore di Plutone, sono composte di ghiaccio d'acqua e ghiaccio di metano, di azoto e monossido di carbonio. Le regioni equatoriali sono colorate di rosso dovuti ai composti organici chiamati toline, che si formano quando metano e azoto sono colpiti dalla luce del Sole o dalle particelle presenti nel vento solare.

Il blu dei ghiacci del pianeta nano
Il blu dei ghiacci del pianeta nano (keystone)

I dati catturati da New Horizons, durante l'avvicinamento al pianeta e alle sue lune il 14 luglio scorso, mostrano anche che le strutture sulla superficie di Plutone, come pianure, avvallamenti e picchi sembrano essere stati scolpiti da processi geologici ancora attivi.

Red.MM/ATS/Swing

Condividi