Camper

Nelle terre dei nativi

#RadioCamper2020: il viaggio verso le elezioni presidenziali statunitensi prosegue lungo il muro, dove abita la "gente del deserto"

  • 6 October 2020, 14:41
  • 10 June 2023, 03:19
  • ELEZIONI USA 2020

#RadioCamper2020: le terre dei nativi

Di: Emiliano Bos

In Arizona il muro corre sulle terre sacre. Queste zolle aride sono terreno fertile di una tradizione nativa che si ostina a non essere calpestata. A schiacciarla quotidianamente sono i colossali tir carichi di materiali metallici che solcano la Statale 85, un nastro d’asfalto srotolato tra i possenti cactus dell’Organ Pipe National Monument. Questo è l’unico luogo in tutti gli Stati Uniti dove crescano i cactus uguali a quelli dei cartoni animati. T’aspetteresti di vedere sfrecciare Willy il Coyote che insegue Beep Beep.

FOTO 1 - La costruzione del muro oltre ad avere un impatto sui nativi ne ha uno moto forte anche a livello ambientale (Emiliano Bos-RSI).jpg

La costruzione del muro oltre ad avere un impatto sui nativi ne ha uno molto forte anche a livello ambientale

  • Emiliano Bos

E invece per secoli qui hanno abitato i Tohono O’odham, la “gente del deserto”. Cioè il deserto di Sonora, che incurante dei confini coloniali tra Messico e Stati Uniti si accomoda sui due lati della frontiera.

Adesso il muro voluto da Trump ha spezzato queste comunità di confine.

Non solo, ma la sua costruzione sta erodendo le risorse naturali dei nativi. A partire dall’acqua.

FOTO 2 - Lorraine Eiler, 83 anni, deputata del Parlamento della tribù dei Tohono O'odham (Emiliano Bos-RSI).jpg

Lorraine Eiler, 83 anni, deputata del Parlamento della tribù dei Tohono O'odham

  • Emiliano Bos

Come ci racconta Lorraine Eiler. I suoi nonni le parlavano del grande stagno a Quitobaquito Springs, piccolo villaggio noto per le sue fonti d’acqua a ridosso di dove adesso sorge il muro voluto dall’amministrazione Trump. Lorraine ha 83 anni, capelli striati di bianco e una camicia rosso vermiglio.

La incontriamo a Ajo, il comune più vicino alla frontiera col Messico. Vicino per modo di dire, quasi 60 chilometri. Dice che il muro non servirà a nulla. “In passato scavavano tunnel, lo faranno ancora”. È preoccupata questa anziana leader tribale dei Hia-Ced O’odham, comunità che fa parte della famiglia dei Tohono O’odhan, trentamila in tutto. La sua gente è in rivolta. Insieme ad altre comunità di nativi hanno bloccato la Statale 85. Ci sono stati incidenti con i guardia-parco. Tafferugli veri e propri, al punto che la strada d’accesso alle fonti di Quitobaquito è stata bloccata.

FOTO 3 - I graffiti ad Ajo, piccola cittadina a circa 60 chilometri dalla frontiera (Emiliano Bos-RSI).JPG

I graffiti ad Ajo, piccola cittadina a circa 60 chilometri dalla frontiera

  • Emiliano Bos

Anche Victor Garcia partecipa alle proteste. Incontriamo questo ragazzo dal fisico gracile in un caravanserraglio di mercanzie e oggetti d’arte locale.: il nel Tri-Nation Market .“Tre-nazioni” perché qui idealmente s’incrociano USA, Messico e la “Nazione dei Tohono O’odham”, una delle 574 tribù di nativi riconosciute dal governo federale qui negli Stati Uniti.

Le mura esterne sono ricoperte di graffiti che inneggiano alla libertà di spirito e alla lotta per la difesa delle proprie terre. “Continueremo a dare battaglia con ogni mezzo”, afferma con un filo di voce Victor.

Il rancore contro il muro cresce. Dovrebbe servire a fermare gli immigrati illegali, secondo il presidente degli Stati Uniti. Invece colpisce gli americani. Cioè queste tribù native. Le loro terre ancestrali sono state sventrate dai lavori di costruzione della barriera. Interi ecosistemi distrutti, per far spazio ai pannelli d’acciaio. Li vediamo infilandoci in una strada laterale all’altezza di Lukeville, ormai a ridosso del Messico. Il camper arranca lento su uno sterrato, quasi a zig-zag tra i Titani verdi del “Sonora desert”.

La forma dei cactus è quella di una canna per organo, e così il nome – e pure il nome di questo Parco che è “un monumento nazionale”. Qui la natura suona melodie inedite, i raggi del sole fanno riecheggiare un Bach di luce tra queste piante dinoccolate. sembrano silouhette danzanti. A una ventina di chilometri dal confine scorgiamo due cactus avvinghiati come una coppia di ballerini in un tango passionale. Nel pomeriggio le ombre si allungano. Sulla destra della carreggiata svettano guglie color cioccolato e pinnacoli di caramello. Che al tramonto sembrano la crosta di una crème brûlée

FOTO 4 - Il nostro RadioCamper sottoposto ai raggi X da polizia di frontiera..jpg

Il nostro RadioCamper sottoposto ai raggi X da polizia di frontiera

  • Emiliano Bos

Ripartiamo, lasciamo il muro, i suoi lavori di costruzione e le proteste dei nativi. Il confine col Messico resta alle nostre spalle, ora ci dirigiamo verso Tucson. Ma a parecchi chilometri di distanza ci sono ancora i check-point sulla Statale. Richiamano, anche se diversi, quelli visti un sacco di volte ad altre latitudini in altri anni, durante la guerra in Bosnia o in Centrafrica. L’agente Lunes del Border Patrol fa cenno di fermarsi. No, non abbiamo armi né marijuana a bordo, rispondiamo diligenti. No, non abbiamo attraversato il confine col Messico. Si, potete controllare. Controllano i passaporti. Non si fidano. Ci fanno scendere, il Ford che ospita il team di #RadioCamper2020 viene passato ai raggi X, in un macchinario simile agli spazzoloni colorati di un autolavaggio. Scherziamo in spagnolo con l’agente Lugo, per stemperare un l’attesa e la tensione. La maggior parte di questi agenti sono ispanici. Tocca a loro arrestare chi sfrutta i poveri in fuga dal Centro-America. Ma tocca a loro anche fermare chi arriva qui in America perché scappa dalla violenza nel proprio paese e vorrebbe cercare un’altra vita da questa parte della frontiera. A ridosso del muro avevamo visto un cartello che recita: “In quest’area si verificano traffico di esseri umani e immigrazione illegale”. Per un attimo, ma solo per un attimo, è possibile mettersi nei panni di chi non ha le carte in regola. E percepire la stessa tensione: una sgradevole sensazione di non avere le carte in regola. Via, si riparte. On the road.

RG 18.30 del 05.10.20: il reportage dall'Arizona di Emiliano Bos

  • 05.10.2020
  • 18:30

Ti potrebbe interessare