La premier britannica Theresa May
La premier britannica Theresa May (keystone)

May espelle 23 diplomatici russi

Ritorsione britannica dopo l'avvelenamento dell'ex spia Skripal. Sanzioni finanziarie contro gli oligarchi

La premier britannica Theresa May ha annunciato l'espulsione di 23 diplomatici russi per il caso Skripal, l'ex spia di Mosca avvelenata insieme alla figlia a Salisbury. Si tratta del secondo più grande numero di espulsioni nella storia della Gran Bretagna. I diplomatici avranno una settimana per partire, ha detto la prima ministra.

 

La Russia ha risposto con "disprezzo" e "sarcasmo" all'ultimatum britannico sul caso Skripal e la sola spiegazione è "che lo Stato russo è colpevole", ha detto May, annunciando anche sanzioni finanziarie contro i patrimoni detenuti dagli oligarchi di Mosca in Gran Bretagna, misure restrittive e controlli sui voli privati, sugli ingressi e sui movimenti di queste persone. Inoltre, il Governo britannico intende "congelare ogni asset dello Stato russo" che ritenga utilizzabile a scopi ostili.

È stato revocato anche ogni prossimo invito o visita del ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov in relazione al caso Skripal e non vi saranno delegazioni ufficiali né rappresentanti della famiglia reale ai Mondiali di calcio di Russia 2018.

Ansa/M. Ang.

Condividi