Edizione del 17.11.2017

La morte del padrino

È morto Salvatore Riina, detto "Totò u curtu", il corto, per la sua statura. Un piccolo uomo, di origini contadine, nato a Corleone nel 1930, che per anni è stato il feroce capo dell’organizzazione criminale di stampo mafioso denominata "Cosa nostra", la mafia siciliana.

Riina aveva 87 anni e scontava 26 ergastoli per circa 200 omicidi nel carcere di massima sicurezza a Parma. Era malato da anni ed è deceduto nel reparto detenuti dell'Ospedale di Parma.

Chi era Totò Riina? Chi comanda ora Cosa nostra? La mafia è davvero in crisi come si dice? Coma sta continuando, concretamente, sul territorio la lotta a questa organizzazione che ha ispirato centinaia di libri e di film?

E poi ci sono le tante domande senza risposta che il boss mafioso si è portato nella tomba dopo avere terrorizzato un intero Paese per anni.

Per parlarne a Modem intervengono:

Francesco Forgione, ex presidente commissione antimafia e esperto di mafie;

Alfonso Sabella, ex  sostituto procuratore pool antimafia;

Enza Rando, vicepresidente “Libera”, rete associativa contro le mafie in Italia.

 

In replica sulla Rete due alle 19:25

Ogni centesimo conta

Seguici con