Mondo

Nagorno-Karabakh, “morti e feriti in un’esplosione”

Lo riferiscono i separatisti armeni. La detonazione è avvenuta in un deposito di carburante vicino alla strada Stepanakert-Askeran

  • 25 September 2023, 20:01
  • 26 September 2023, 08:18
  • INFO
584685925_highres.jpg

L'esplosione vicino alla strada Stepanakert-Askeran

  • keystone
Di:ATS/M. Ang.

Avrebbe provocato un numero ancora imprecisato di morti e feriti l’esplosione avvenuta all’interno di un deposito di carburante in Nagorno-Karabakh, l’enclave contesa tra Armenia e Azerbaigian. Lo riferiscono i separatisti armeni. “Ci sono morti e feriti a seguito di un’esplosione in un deposito di carburante vicino alla strada Stepanakert-Askeran”, hanno affermato in un comunicato, aggiungendo che “sono presenti soccorritori e medici”. I media locali, in serata, hanno parlato di oltre 200 feriti, la maggior parte dei quali sarebbero in gravi condizioni.

Notiziario delle 22:00 del 25.09.2023

  • 25.09.2023
  • 20:12

Intanto prosegue la fuga di massa di migliaia di armeni che stanno abbandonando in queste ore il Nagorno Karabakh, enclave in territorio azero, dopo la violenta offensiva militare della scorsa settimana che ha provocato, in questa regione contesa del Caucaso meridionale, centinaia di morti, feriti o dispersi. Un esodo a pochi giorni dalla fulminea vittoria dei soldati azeri contro le truppe dell’autoproclamata ‘repubblica’ ribelle, malgrado le rassicurazioni del presidente azero Ilham Aliev, che i diritti degli armeni che rimarranno saranno “garantiti”.

La situazione allarma le cancellerie occidentali, preoccupate di un’ulteriore escalation dopo quella ucraina alle porte dell’Europa e che domani (martedì) faranno il punto in una riunione ad hoc. Secondo quanto si apprende da fonti europee, i consiglieri nazionali della sicurezza di Armenia, Azerbaigian, Francia, Germania si incontreranno insieme al rappresentante speciale UE per il Caucaso Meridionale, Toivo Klaar. Ad ospitare il vertice a Bruxelles il consigliere nazionale per la sicurezza del Consiglio UE, Simon Mordue. Scopo dell’incontro sarà fare il punto della situazione attuale e preparare un possibile incontro dei leader a Granada, dove il 5 ottobre si terrà il vertice della Comunità Politica Europea. In campo anche il presidente turco Recep Tayyip Erdogan giunto nell’enclave azera di Nakhichevan, situata tra Armenia e Iran e al confine con la Turchia, per incontrare il suo omologo Aliev. Una tappa dal forte valore simbolico, per il leader di Ankara che ricopre un ruolo di primo piano in questa parte del Caucaso.

La Russia convitato di pietra

Mosca, che considera il Caucaso come un proprio territorio e tre anni fa ha dispiegato una forza di pace in questo territorio conteso, ha respinto con fermezza le critiche espresse il giorno prima dal primo ministro armeno Nikol Pashinian di avere lanciato “attacchi inaccettabili contro la Russia” per cercare di assolversi dai suoi “fallimenti”. “Siamo convinti che la leadership di Erevan stia commettendo un enorme errore, cercando deliberatamente di abbattere i molteplici e secolari legami tra Armenia e Russia e rendendo il Paese ostaggio dei giochi geopolitici dell’Occidente”, si legge in una nota del ministero degli Esteri di Mosca.

La crisi nel Caucaso meridionale allarma anche gli Stati Uniti convinti che la Russia abbia dimostrato di non essere un “partner affidabile” dopo l’offensiva azera. “La Russia ha dimostrato di non essere un partner affidabile per la sicurezza”, ha tuonato il portavoce del Dipartimento di Stato USA, Matthew Miller.

Nagorno Karabakh, l'Armenia accoglie i primi rifugiati

Telegiornale 20:31 di domenica 24.09.2023

  • 24.09.2023
  • 18:31

Correlati

Ti potrebbe interessare