Cronaca

"I contratti normali non sono rispettati"

UNIA punta il dito contro l'industria che, stando ad un sondaggio sindacale, non sarebbe in linea con le norme per i settori dell'elettronica, dell'ottica e dei computer

  • 21 febbraio 2014, 19:07
  • 6 giugno 2023, 15:13
chip, ingegneria_elettronica.jpg
  • keystone

UNIA punta il dito contro l'industria ticinese e - sondaggio alla mano - accusa il settore di non rispettare i contratti normali di lavoro nel ramo della fabbricazione di apparecchiature elettriche e in quello della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, come intimato dall'autorità cantonale nel 2013. Tra la quindicina di aziende oggetto delle verifiche, nessuna, secondo il sindacato, rispetterebbe le disposizioni. Ma l'associazione di categoria ribatte: "UNIA sta facendo campagna in vista della votazione sui salari minimi".

L'obbligo

Contro l’obbligo dei contratti normali settoriali, alcune imprese, l'AITI e la Swissmem avevano ricorso invano fino al Tribunale federale. Dal primo gennaio 2014 le ditte toccate dovrebbero a versare 17 franchi e 30 centesimi all'ora. UNIA ha però constatato che le disposizione non sarebbero rispettate. Le osservazioni verranno inviate alla Commissione tripartita.

Red. MM/CSI

Ascolta le posizioni di Rolando Lepori di UNIA e di Stefano Modenini, direttore di AITI, nel servizio dei colleghi delle Cronache della Svizzera italiana.

Gallery audio - "I contratti normali non sono rispettati"

  • CSI 18.00 Il servizio di Francesca Torrani

    RSI Cronaca 21.02.2014, 18:17

Ti potrebbe interessare