Cronaca

Troppe luci nella notte

L'associazione Dark Sky chiede alle autorità un intervento più deciso contro l'inquinamento luminoso dopo la recente sentenza del Tribunale federale

  • 18 January 2014, 07:30
  • 6 June 2023, 11:04
Lugano_notte_luci_TiPress_2009.jpg

Lugano

  • Ti-Press/Gabriele Putzu /

La recente decisione del Tribunale federale, che per la prima volta si è pronunciato per una limitazione delle emissioni luminose inutili (vedi a lato), deve essere il punto di partenza per i cantoni, chiamati a rendere vincolanti le norme in questo ambito. E’ questo l’auspicio di Dark Sky.

“Ci aspettiamo che le autorità svolgano il loro ruolo e facciano da modello”, scrive l’associazione che da anni si batte per un uso ragionevole della luce e per salvaguardare il buio notturno. “Nel nostro cantone esistono delle linee guida risalenti al 2007 – ci spiega Stefano Klett della sezione ticinese di Dark Sky – ma ci sono ancora delle situazioni negative. Penso ad esempio a quei capannoni di Grancia e Sant’Antonino illuminati durante tutta la notte. La fonte di luce è inoltre diretta dal basso verso alto (e non al contrario come prevedono le norme), con una forte dispersione nello spazio”.

La tecnologia è disponibile

L’associazione ricorda che da marzo è in vigore la Norma SIA 491 sulla prevenzione delle emissioni luminose inutili che va applicata per nuove costruzioni e ristrutturazioni. Sottolinea poi che la tecnologia per migliorare la situazione è già ampiamente disponibile: “le illuminazioni di sicurezza devono basarsi su sensori di movimento e non restare accese di continuo (…) e l’illuminazione stradale deve essere ridotta entro mezzanotte (grazie ad una attenta programmazione), quando il traffico si riduce notevolmente”.

In quest’ultimo settore Dark Sky invita anche ad usare i nuovi LED a luce calda (3'000K) e non fredda: “la luce calda provoca meno stress a persone e natura (ridotto abbagliamento e nessuna alterazione per l’orologio biologico interno)”.

cos

Gallery image - Troppe luci nella notte

Il TF

Il Tribunale federale, nella sentenza di principio del 12 dicembre scorso, ha stabilito che si può obbligare il proprietario di un’abitazione e spegnere alle 22.00 l'illuminazione puramente decorativa, fatta eccezione per il periodo natalizio, quando è permessa una certa elasticità. I giudici si sono espressi su una divergenza tra vicini di casa nel canton Argovia.

Ti potrebbe interessare