La presentazione del velivolo in tempi non sospetti, era il 15 dicembre 2018 (keystone)

Boeing, altre richieste danni

Tre compagnie aree cinesi vogliono indennizzi per la messa a terra forzata dei 737 Max

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le tre maggiori compagnie aeree cinesi (Air China, China Southern Airlines China Eastern) intendono chiedere indennizzi al colosso statunitense Boeing per la messa a terra forzata dei 737 Max — in tutto 53 esemplari per una perdita stimata di 14'000 franchi al giorno ognuno —, il modello di apparecchio protagonista di due incidenti in Etiopia e Indonesia, costati la vita in totale a 346 persone.

Anche altri vettori (come Turkish Airlines, United Airlines, Ryanair o Flydubai) avevano chiesto "necessarie compensazioni" per lo stesso motivo, ma il caso della Cina fa discutere anche a causa della guerra commerciale con Washington.

Il paese asiatico è uno dei mercati strategici per l'aviazione civile con un potenziale d'acquisto di 7'700 velivoli nel corso del ventennio. Le due catastrofi e le tensioni con gli Stati Uniti rischiano di costare caro all'azienda, sul cui modello incriminato pendono i sospetti di difetti al sistema di controllo di volo automatico.

RG/ATS/px
Condividi