Il presidente turco Erdogan
Il presidente turco Erdogan (Reuters)

Erdogan si prende il Fondo sovrano

Ha nominato sé stesso alla guida dello strumento di investimento pubblico che vale 200 miliardi di dollari

È sempre più stretta la presa di Recep Tayyip Erdogan sulla Turchia. Dopo aver messo in subbuglio i mercati con la promessa di indirizzare maggiormente le decisioni della Banca centrale, il presidente ha nominato sé stesso alla guida del Fondo sovrano di Ankara, nel quale aveva fatto trasferire due anni fa il patrimonio di molte delle maggiori aziende di Stato, per un valore stimato in circa 200 miliardi di dollari.

Con un decreto firmato di suo pugno e pubblicato mercoledì sulla Gazzetta ufficiale, Erdogan attribuisce inoltre la vicepresidenza vicaria al super-ministro delle Finanze Berat Albayrak, il suo discusso e fidato genero, nelle cui mani aveva già messo il controllo delle politiche economiche nel bel mezzo della più profonda crisi valutaria turca da quanto è salito al potere, oltre 15 anni fa.

La rivoluzione all'interno del management era stata preannunciata da alcune dichiarazioni dello stesso capo dello Stato, che ne aveva criticato la gestione.

ats/joe.p.

Erdogan, anche la sua statua divide

Erdogan, anche la sua statua divide

TG 20 di mercoledì 29.08.2018

Condividi