Il comune italiano ha debiti anche nei confronti del cantone (tipress)

Campione, "quadro preoccupante"

Il Consiglio di Stato ticinese ha incontrato per la prima volta Giorgio Zanzi, il commissario che gestisce la crisi dell'enclave italiana in Svizzera

Il Governo ticinese ha incontrato Giorgio Zanzi, il commissario che gestisce la crisi del comune di Campione d'Italia. Il tema sul tavolo: i debiti che sta accumulando l'enclave nei confronti di enti pubblici e privati del cantone. Un piano di rientro per i circa 4 milioni di franchi di debiti non esiste ancora. Il Cantone deve incassare oltre 900'000 franchi.

Nel primo incontro è stato fatto un quadro della situazione. Il presidente Claudio Zali ha commentato: "Il quadro è preoccupante". Il commissario prefettizio di Campione d'Italia, Giorgio Zanzi, conferma la situazione. "Si trovano nuove entrate in questo momento anche pensando a delle dismissioni del patrimonio di beni disponibili che ha il comune che non sono necessari e indispensabili per la sua attività - spiega Zanzi -Questa è una strada che si percorrerà e si deve percorrere per legge".

Lo sguardo si volge dunque a Roma, dove si starebbe operando per trovare delle soluzioni. I sindacati hanno intanto previsto il 25 ottobre una giornata di sciopero di tutti i lavoratori del comune di Campione d'Italia.

 
CSI/WytA
Condividi