Nel corso del 2022 saranno effettuate ulteriori verifiche
Nel corso del 2022 saranno effettuate ulteriori verifiche (TiPress)

Diossine inferiori al valore di guardia

I risultati dei prelievi effettuati in Ticino confermano quanto anticipato dalla RSI: non sussiste una situazione problematica come quella riscontrata a Losanna

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I risultati dei prelievi effettuati in Ticino in relazione alle concentrazioni di diossine del suolo mostrano – come già anticipato – che non sussiste una situazione problematica e analoga a quella riscontrata a Losanna attorno agli ex impianti di smaltimento dei rifiuti di Bioggio e Riazzino.  Le concentrazioni misurate non superano il valore di guardia di 20 nanogrammi per chilo, indica lunedì il Dipartimento del territorio.

Tuttavia, i dati ottenuti indicano come attorno a tali impianti i residui di diossine possano essere mediamente più elevati rispetto ad altri suoli del Cantone.

Infografica diossine
Infografica diossine (Dipartimento del territorio)

I prelievi sono stati effettuati lo scorso ottobre in 21 luoghi del cantone. Si tratta dei 10 suoli già verificati nell’ambito del monitoraggio attorno all’Impianto di termovalorizzazione dei rifiuti (ICTR) di Giubiasco, di tre suoli rispettivamente campionati nelle vicinanze dei vecchi impianti di incenerimento dei rifiuti di Bioggio (CER) e Riazzino (CIR) e di 5 suoli in diverse zone del Ticino

Nel corso del 2022, la Sezione della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo (SPAAS) effettuerà ulteriori verifiche analitiche per irrobustire questi primi risultati rassicuranti, estendendo inoltre la misurazione di diossine nel suolo ad altri comparti.

 
YR
Condividi