Il
Il "pizzo" sarebbe estorto a tutti, anche chi è in assistenza (©Ti-Press/Archivio)

Eritrei, "racket di Stato"

I migranti in fuga dal regime di Asmara e giunti in Svizzera sarebbero costretti a pagare il "pizzo", anche in Ticino

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il regime di Asmara riscuoterebbe illegalmente una tassa che ogni cittadino eritreo in Svizzera, dal libero professionista al richiedente l’asilo, sarebbe tenuto a pagare. Lo scrive lunedì  la Regione. L’importo, corrispondente al 2% delle entrate annuali di ogni individuo del paese del Corno d’Africa, sarebbe incassato dal consolato di Ginevra e il pagamento sarebbe obbligatorio: chi non lo fa, rischia di subire ritorsioni su familiari e beni in patria e si vede privato dei servizi consolari.

La tassa “sembra un’estorsione”, si legge nell'inchiesta del quotidiano di Bellinzona, ed è paragonata al “pizzo” mafioso. L'organizzazione attraverso cui avviene l’incasso è definita il “racket eritreo”. Il sistema di controllo avverrebbe infatti attraverso delle “spie disseminate in ogni cantone, anche in Ticino, che segnalano chi arriva e chi non paga. Persone fidate messe in punti chiave, spesso insospettabili traduttori che lavorano per le ignare autorità elvetiche (polizia, immigrazione, sanità)”.

ab

Dai nostri archivi, 2012

Condividi