Immagine d'archivio
Immagine d'archivio (©Tipress)

Frontalieri, ecco le novità

Si confermano le indiscrezioni circa le quote di ripartizione delle imposte dei frontalieri

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

A poche ore dalla comunicazione delle prime informazioni concrete sul contenuto dell’accordo finanziario trovano conferme le indiscrezioni, che circolavano da giorni, circa le quote di ripartizione delle imposte dei frontalieri.

Il Ticino, si sussurra, tasserà il 71% del salario del frontaliere, l'Italia il 29%, ognuno con le proprie aliquote d'imposta. Scomparirà dunque il meccanismo del ristorno versato dal Ticino all'Italia. Il Cantone incasserà circa il 10% in più rispetto ad oggi, ciò che corrisponde a una quindicina di milioni.

I frontalieri, che risiedono nella fascia dei 20 chilometri dal confine, pagheranno probabilmente più imposte rispetto ad oggi: Roma li tasserà infatti sul 29% del loro salario, con aliquote notoriamente più alte rispetto a quelle ticinesi. In compenso, il franco forte appesantirà la loro busta paga dopo il cambio in euro.

L’accordo del ’74 sulla fiscalità dei frontalieri dovrebbe quindi presto diventare un ricordo. Per saperne di più dovremo comunque aspettare venerdì, quando il negoziatore Jacques De Watteville informerà l’opinione pubblica.

CSI/Red. MM/SP

Dal Quotidiano:

Condividi