Lo strumento vuole attirare produzioni nazionali e internazionali (Ti-Press)

Un Ticino da film

La Ticino Film Commission ha presentato la rinnovata guida delle "location" che offre il nostro cantone

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Grand Hotel di Muralto, che di recente ha ospitato le riprese di un cortometraggio, ha accolto martedì la presentazione della nuova "location guide" della Ticino Film Commission, la guida dei luoghi che nel cantone si prestano alla realizzazione di una pellicola.

Presentazione al Grand Hotel
Presentazione al Grand Hotel (tipress)

"Un database pubblico e online", ha ricordato il presidente Nicola Pini, "una vetrina che consente di attirare sul territorio produzioni nazionali e internazionali". La concorrenza è forte, nel mondo oltre 300 entità analoghe vengono sovvenzionate da enti pubblici.

 

Lo strumento ticinese, già esistente, è stato quindi rinnovato lavorando su quantità e qualità, ha spiegato il responsabile del progetto Elia Frapolli: da un lato arricchendolo con immagini che l'intelligenza artificiale pesca dai social media, dall'altro chiedendo a cineasti come Erik Bernasconi, Klaudia Reynicke e Francesco Rizzi di raccontare il Ticino attraverso i loro occhi. Non solo palme e case pittoresche, ma anche stazioni, edifici dismessi e siti archeologici. Inoltre un concorso fotografico (#ticinofilmlocation) invita la popolazione a contribuire.

Ticino da film

Ticino da film

Il Quotidiano di martedì 13.08.2019

 
 
pon
Condividi