Per l'alleanza le donne non devono andare in pensione un anno più tardi
Per l'alleanza le donne non devono andare in pensione un anno più tardi (Keystone)

"AVS21, riforma contro le donne"

Un'alleanza tra sindacati, PS, Verdi e collettivi femministi lancia un referendum contro la modifica che vuole le lavoratrici in pensione a 65 anni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le donne non devono andare in pensione un anno dopo, secondo l'alleanza "Non toccate le nostre pensioni". Composta da sindacati, PS, Verdi e collettivi femministi, ha lanciato martedì un referendum contro la riforma AVS21 accettata dal Parlamento a dicembre.

L'innalzamento dell'età pensionabile da 64 a 65 anni farà risparmiare dieci miliardi sulle spalle delle donne, ha affermato l'alleanza in una nota. Le donne vedranno la loro pensione ridotta di circa 1'200 franchi all'anno e questo nonostante percepiscano ancora circa un terzo in meno degli uomini, sostiene il comitato referendario.

L’alleanza ritiene che con questa prima parte della revisione il Parlamento cerchi ancora di indebolire l'AVS invece di mantenere la promessa di pensioni sufficienti per vivere. Durante la recente sessione invernale, il Parlamento ha avviato la seconda componente, ovvero la previdenza professionale (LPP). AVS21 è solo l'inizio, avvertono i referendisti, che si aspettano “ulteriori attacchi al cuore della sicurezza sociale”.

Riforma AVS è cosa fatta

Riforma AVS è cosa fatta

TG 20 di mercoledì 15.12.2021

 
ATS/EnCa
Condividi