Siria, un paese distrutto dalla guerra
Siria, un paese distrutto dalla guerra (keystone)

Siria, il contributo elvetico

Stanziati più di 250 milioni di franchi e accolti oltre 5’000 profughi in modo agevolato

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Svizzera, dallo scoppio della crisi siriana nel 2011, non ha fatto mancare il suo contributo alla popolazione. In cinque anni la Confederazione ha stanziato oltre 250 milioni di franchi per migliorare le condizioni di vita di chi ancora si trova nel paese in guerra e dei rifugiati in Turchia e Libano. Ciò che ha frenato la spinta a proseguire la migrazione. Al contempo il rilascio agevolato del visto a cittadini siriani, introdotto nel settembre 2013, ha permesso a 4’200 persone di trovare rifugio nel paese.

Gli aiuti svizzeri vanno anche a chi si trova nei campi profughi del Libano
Gli aiuti svizzeri vanno anche a chi si trova nei campi profughi del Libano (Keystone)

Lo indica il Consiglio federale in un rapporto nel quale ricorda che tre anni fa è pure stato deciso di ospitare altre 500 persone particolarmente vulnerabili. Nel marzo 2015 ha inoltre approvato di dare rifugio ad altre 3'000. Finora di queste ne sono giunte 751, poiché il ritmo dipende dal programma di ricollocamento europeo. In totale, quindi, oltre 5'000 profughi sono già stati accolti in modo semplificato.

Diem/ATS

Condividi